Indice del forum
Ricette bimby

Ricette bimby

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

 
Photobucket
 
Share |
Dermatofitosi del Gatto e Tigna!
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> La quotidianità -> Animali amici
Condividi su Facebook  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
danka

Moderatore
Moderatore




Sesso: Sesso:Femmina
Età: 38
Registrato: 25/06/08 02:05
Messaggi: 519
danka is offline 

Interessi: Igiene degli Alimenti
Impiego: Veterinario
Sito web: http://www.neolabconsu...


NULL
MessaggioInviato: 01 Set 2009 22:28:32    Oggetto: Important Dermatofitosi del Gatto e Tigna!
Descrizione:
Rispondi citando

Le dermatofitosi sono infezioni superficiali delle strutture cheratinizzate provocate da funghi chiamati dermatofiti appartenenti ai generi Microsporum, Trichophyton e Epidermophyton.
Sono le malattie cutanee infettive più comuni nei gatti e rappresentano per l’uomo un importante rischio zoonosico. Infatti circa il 50% delle persone in contatto con gatti infetti contrae l’infezione.
Microsporum canis è il dermatofita isolato più comunemente nel gatto; i gatti si infettano sia per contatto diretto con un animale portatore sia tramite l’ambiente contaminato che rappresenta una riserva di spore. Bisogna inoltre considerare la trasmissione passiva attraverso spazzole o gabbie da trasporto anche perchè, a seconda delle condizioni ambientali, le spore possono rimanere infettanti per mesi.
Nel momento in cui un gatto entra in contatto con le artrospore ci sono diversi fattori che possono determinare lo sviluppo o meno dell’infezione:
*la toelettatura accurata eseguita abitualmente dai gatti rappresenta una “difesa naturale” importante contro l’adesione delle artrospore; infatti le zone più difficili da pulire come il muso sono le prime dove solitamente si manifesta l’infezione.
Inoltre le spore non possono penetrare nella cute sana ed è necessario un trauma anche lieve per determinare lo sviluppo della malattia.
*la macerazione della cute aumenta la capacità dei dermatofiti di penetrarla e favorisce la germinazione delle spore.
*la temperatura, in quanto la germinazione delle spore è termo dipendente.
*l’esposizione al sole può inibire la germinazione delle spore.
*i bagni troppo frequenti possono predisporre i gatti alla dermatofitosi in quanto rimuovono le difese naturali della cute.
Alcuni animali sembrano essere maggiormente a rischio: soggetti molto giovani o anziani, animali malnutriti, immunodepressi o comunque tutti gli animali che vivono in colonie in condizioni di sovraffollamento e stress.
La dermatofitosi nel gatto può avere molteplici manifestazioni cliniche e deve quindi essere inclusa tra le diagnosi differenziali delle dermatosi del gatto.
La lesione iniziale, pruriginosa o meno, è rappresentata da un’alopecia focale circolare o a margini irregolari che tende a espandersi verso la periferia eventualmente con scaglie o croste. I peli risultano rotti o alterati e le zone più colpite sono, soprattutto nei gattini, il muso e le zampe.
Sono possibili però molte altre manifestazioni cliniche.
La diagnosi è fatta da 3 procedure: esame con lampada di Wood, esame tricoscopico e identificazione del dermatofita in coltura.
La lampada di Wood serve per mettere in evidenza una fluorescenza verde mela emessa da alcuni dermatofiti quando sono esposti a luce ultravioletta. La fluorescenza indica però la presenza di metaboliti fungini e non delle spore e può pertanto essere falsata da shampoo o altri prodotti antimicotici.
L’esame tricoscopico richiede un minimo di esperienza e risulta più facile se si esaminano dei peli risultati positivi alla lampada di Wood. Si possono osservare direttamente le spore che invadono il pelo.
Infine l’esame colturale permette l’identificazione del genere e della specie ed è considerato indispensabile per la diagnosi di dermatofitosi.

La terapia mira all’eliminazione rapida della dermatofitosi per limitare o prevenire il contagio e minimizzare la contaminazione ambientale. Nonostante questo però gli animali sani e immunocompetenti sono in grado di guarire naturalmente.
La tosatura è consigliata solo in gatti fortemente colpiti o a pelo lungo per limitare la diffusione delle lesioni in quanto il mantello costituisce una riserva di spore fungine.

Chi effettua l’operazione deve indossare camici protettivi e i peli devono essere raccolti e distrutti.

Il trattamento d’elezione è comunque la terapia sistemica anche se la dermatofitosi è solo localizzata e ci sono diversi farmaci che possono essere usati a tale scopo.
Il più utilizzato, anche per la sua buona tollerabilità è l’itraconazolo .
Il prodotto è reperibile in Italia in capsule da 100 mg o in sciroppo (10mg/ml).
La terapia locale ha lo scopo di limitare il passaggio delle spore ad altri animali o nell’ambiente. La procedura richiede però molto tempo e non è sempre ben tollerata dai gatti. Il bagno dovrebbe essere fatto delicatamente per prevenire danni alla cute e bisognerebbe asciugare il mantello per prevenire la macerazione che compromette la barriere protettiva naturale.
I risultati delle terapie vanno monitorati accuratamente perché gli animali sono clinicamente normali prima di essere veramente guariti dalla dermatofitosi. I

Data la lunga persistenza delle spore nell’ambiente anche questo deve essere trattato. Tappeti e moquette possono essere lavati con vapore acqueo e candeggina mentre tutte le superfici lavabili devono essere disinfettate con acqua e candeggina o, se possibile, immerse nella soluzione.


Nell'uomo, non necessariamente infettato dall'animale malato, la dermatofitosi si manifesta in due modi:
Le tigne del pelo
Le tigne del cuoio capelluto (tinea capitis) possono essere divise in favose, microsporiche e tricofitiche, in rapporto al tipo di micete responsabile. La tigna microsporica, dovuta a Microsporum canis o Microsporum audouini, colpisce i bambini (fino a 10 anni d’età) per contagio diretto o indiretto perlopiù da animali infetti (gatti, cani ecc.). Si manifesta con una o più chiazze tondeggianti delimitate, del diametro di circa 5-6 cm, ricoperte da squame bianco-grigiastre, ove i capelli appaiono spezzati e fragili. La malattia, anche non curata, guarisce spontaneamente e senza esiti cicatriziali con la pubertà. La tigna tricofitica, sostenuta da varie specie di Trichophyton, viene anch’essa trasmessa per contagio interumano o da animali domestici, e colpisce bambini in età scolare; a livello del cuoio capelluto si riscontrano piccole e numerose chiazze tondeggianti finemente desquamanti, con margini netti, ove i capelli parassitati risultano troncati poco al disopra del punto di emergenza; guarisce spontaneamente senza esiti alla pubertà, ma se è complicata da fenomeni infiammatori lascia cicatrici alopeciche permanenti. La tigna favosa, sostenuta da Trichophyton schoenleini, rara in Italia, si manifesta con ammassi miceliari fungini (scutuli) alla base dei capelli, che si presentano radi, opachi, pulverulenti. Lo scutulo ha forma discoidale, color giallo zolfo, e un caratteristico odore di orina di topo. La malattia guarisce lasciando esiti cicatriziali e aree prive di capelli.

Le tigne delle parti glabre
La tinea corporis alle parti glabre del corpo è causata da numerose specie di dermatofiti, in genere di provenienza animale. Le lesioni sono solitamente multiple, asimmetriche e si presentano come chiazze eritemato-desquamative tondeggianti, a limiti netti, con tendenza ad assumere un aspetto figurato per la diffusione centrifuga e la risoluzione nella zona centrale della lesione. In corrispondenza delle pieghe inguinali (tinea cruris o epidermofizia inguino-crurale) la lesione eritemato-squamosa è di solito bilaterale, simmetrica, con inizio sul fondo della piega ed estensione verso la faccia interna della coscia. La tinea pedis è una micosi del piede molto comune, più frequente nell’età adulta e durante la stagione estiva, a causa della maggiore sudorazione e macerazione, che favoriscono l’attecchimento dei miceti. Il contagio in genere avviene in ambienti quali palestre, piscine, docce, per via diretta o mediata. Si manifesta inizialmente con desquamazione e macerazione sulla faccia laterale delle dita e sul fondo degli spazi interdigitali dei piedi; generalmente sono colpiti il terzo e il quarto spazio. Successivamente possono comparire lesioni eritemato-vescicolose e ragadiformi, e il quadro può estendersi al dorso e alla pianta del piede.
Diagnosi e terapia
La diagnosi delle tigne implica la ricerca microscopica del parassita nei peli e nelle squame (esame micologico). La terapia si avvale di farmaci antimicotici per applicazione locale o somministrabili per via orale, sotto il controllo dello specialista.

[/u]

_________________
http://www.neolabconsulting.it

Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Adv



MessaggioInviato: 01 Set 2009 22:28:32    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> La quotidianità -> Animali amici Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Ricette bimby topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008
Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.